Diritto degli APPALTI pubblici

ATI: consulenza legale in tema di recesso

Consulenza legale OnLine

Le imprese interessate a tale strumento è bene accertino di poterne farn uso prima di avviare il procedimento stesso, così da evitare controproducenti conseguenze.

L'avv. Valerio Cicchiello, con esperienza ultradecennale nella consulenza e assistenza di imprese che partecipano a gare pubbliche, può fornire mediante consulenza preventiva e mirata una prima valutazione di fattibilità del recesso dal raggruppamento rispetto a una gara specifica.

A partire da € 290 ( * maggiori informazioni )

Valerio Cicchiello

Valerio Cicchiello

Iscritto all'Ordine degli Avvocati Milano dal 2001, già Professore di Diritto Ambientale per il Politecnico Milano, ha proprio studio legale in Milano e Bergamo. In JusticeLaw On Line è titolare dipartimento diritto amministrativo, referente di diritto ambientale e diritto dei consumatori.

Per conoscere la ricorribilità di questo strumento in rapporto ad una specifica gara pubblica, già in corso di esecuzione.

Si consideri, infatti, che i contratti pubblici in cui l'aggiudicatario sia un soggetto aggregato sono destinati solitamente a durare nel tempo, per diversi anni.

Il Codice degli appalti pubblici, nella versione modificata dal c.d. "correttivo" (D.Lgs. 56/20017) entrata in vigore il 20.05.2017 dopo che sullo stesso tema si era consolidato positivamente l'orientamento sia della giurisprudenza amministrativa che dell'ANAC, consente esplicitamente alle imprese che abbiano partecipato alle gare pubbliche riunendosi in ATI (associazione temporanee di imprese) o in consorzi di riorganizzarsi per far sì che alcuni dei componenti fuoriescano dal raggruppamento.

Per regola generale i cambiamenti nella composizione soggettiva dell'aggiudicatario sono vietati e l'inosservanza di tale divieto comporta l'annullamento dell'aggiudicazione o la nullità del contratto.

In deroga a tale divieto però "è ammesso il recesso di una o più imprese raggruppate esclusivamente per esigenze organizzative del raggruppamento" (comma 19 dell'art. 48 del Codice degli appalti nella versione corretta e attualmente vigente). Tale recesso è consentito a determinate condizioni ed entro certi limiti.

art. 48 del Decreto Legislativo n. 50 del 2016, secondo la formulazione vigente dal 20.05.2017

Questa consulenza avviene in forma orale, tramite videochat o telefonata con l'avv. Cicchiello.

In alternativa, con un'integrazione del prezzo di 200,00 €, è' possibile richiedere un breve parere scritto con successivo chiarimento orale.

Questo servizio è adatto a piccole e medie imprese che facciano già parte di un raggruppamento e che stiano valutando l'opportunità o la necessità di far sì che uno o più dei componenti vi receda.  E' rivolto:

- a imprese facenti parte di un'ATI;

- a imprese riunite in un consorzio e anche nel caso di contratto pubblico che riguardi una "concessione" e non un appalto: infatti la normativa in questione, con alcuni adattamenti, è applicabile anche in queste due ipotesi.

Il servizio mira a entrare nel merito della situazione organizzativa dei componenti per verificare se, a un primo esame, lo strumento del recesso sia percorribile.

La finalità di questo servizio è preventiva e orientativa per far comprendere agli operatori economici interessati i margini, in via di massima, per un'azione lecita in considerazione della specifica gara di cui sono aggiudicatari.

E' prevista una maggiorazione del prezzo di 150,00 € nel caso in cui:

a) l'interessato richieda che l'avvocato incontri via conf. call la PA per acquisire orientamenti e confronto preliminare.  NB: il prezzo si riferisce a un incontro della durata uguale o inferiore a un'ora;

E' prevista una maggiorazione del prezzo di 200,00 € nei casi in cui:

a) l'interessato invii documentazione corposa superiore, complessivamente, a nr. 8 pagine;
b) l'interessato invii più di nr. 3 documenti;
c) l'interessato richieda che il parere sia scritto, il che prevederà comunque anche un incontro di chiarimento in conf. call successivo all'invio del parere;
d) il richiedente sia un consorzio o un concessionario e non un appaltatore, situazione che richiede di considerare altre norme in via aggiuntiva;
e) l'interessato richieda che l'avvocato incontri la PA presso la sede per acquisire orientamenti e confronto preliminare.  NB: il prezzo si riferisce a un incontro della durata uguale o inferiore a un'ora, cui vanno aggiunte le spese di trasferta.

Questo servizio non è adatto a Pubbliche amministrazioni, né a imprese che abbiamo una contestazione o un controllo in corso sul possesso dei requisiti di partecipazione.

Non è nemmeno adatto se l'impresa abbia già avanzato istanza di recesso alla P.A.  

Si tratta di un servizio di consulenza preventiva e non comprende la predisposizione dell'istanza di recesso.  Nel caso in cui l'impresa sia già determinata a presentare istanza, è consigliabile acquistare il servizio di Atto Legale Personalizzato OnLine "Istanza di recesso da un'ATI" che si combina delle due fasi, di consulenza e di assistenza nella redazione dell'atto, con un costo inferiore rispetto all'acquisto dei due servizi in forma separata.

Allo stesso modo questo servizio non è opportuno se si intenda avere per lo più chiarimenti preliminari sulla normativa in materia di recesso, senza essere ancora orientati/determinati a fare uso dello strumento.  In questo caso è consigliato il servizio, meno oneroso, dell'Appuntamento Legale OnLine "Recesso da un'ATI"